Alessio Caiazza

Articles tagged 'MQC'

Test yagi 4el per VHF

In settimana, grazie all'aiuto dei colleghi della sezione ARI di Firenze, ho costruito la mia prima Yagi per le VHF.

radiatore
antenna smontata

Dopo un rapido test in giardino dietro casa, oggi decido di salire un po’ e fare una attivazione per il diploma QRP/p di MQC.

La mia destinazione è la fonte dei seppi, a Sesto Fiorentino (FI), in quanto facilmente raggiungibile in auto.

Mi sistemo nel prato che sovrasta il parcheggio e comincio a montare la stazione.

antenna
stazione

Per pura curiosità decido di partire con FT8 alla ricerca di qualche spot. Chiamo CQ per 5 minuti cambiando direzione all'antenna di tanto in tanto.

Come sospettavo nessun segnale ricevuto, ma ottengo 2 spot.

Radio QRB SNR
IK0ZYH 170 Km -02 dB
F1JRD 533 Km -16 dB
mappa spot
lista spot

Finiti i test in digitale passo in fonia. Questa è la mia prima radio SSB e decido di alternare i due modi FM e SSB alla ricerca di qualche corrispondente.

Ad eccezione di una stazione a Roma (il cui QSO si è interrotto a metà) tutte le altre sono sempre in zona 5.

Mi sono divertito molto, ma devo migliorare il supporto antenna, purtroppo il tubo in PVC da 25 ruota libero sulla canna da pesca, basta pochissimo vento per farlo girare costringendomi a stare alzato per tenere l'antenna dritta o ad abbassarla molto per tenerla ferma da seduto.

saluti

73 de IU5BON

(l0g.in 5DxE00)

POTA I-1395: Monti della Calvana

Per questioni fuori dal mio controllo sono dovuto rientrare a casa in anticipo del campeggio, ma visto che sono comunque in ferie ho tentato una attivazione POTA del parco provinciale dei monti della Calvana I-1395.

Non avendo molto tempo ho optato per poggio Castiglioni che si trova all’interno del parco ed è facilmente raggiungibile in auto.

Arrivato in prossimità del poggio decido di fermarmi in un pratone a circa 500m da dove si trovano i tralicci dei ripetitori.

Lancio una corda su un albero e tiro su la mia EFHW quando inizia a piovere! A quel punto completo l’installazione alla svelta e opto per operare da dentro l’auto.

antenna

Inizialmente non trovo un accordo in 40m e passo ai 20m, nonostante lo spot sul cluster nessuno risponde alle mie chiamate, intanto a momenti alterni piove.

Forse il suolo bagnato cambia la configurazione del mio contrappeso e finalmente la EFHW si accorda sui 40m, nuovo spot e Marco IU2HEE si aggiudica il primo faticoso QSO.

Continuo a chiamare ma nessuno risponde.

Con Paolo IN3AQK avevamo deciso di provare un js8call, peccato che mi fossi dimenticato il tablet quindi opero con il cellulare, lo schermo è piccolo e facciamo un po’ di errori ma alla fine passando in slow mettiamo a log in QSO. Avessi avuto il tablet con la tastiera fisica avremmo potuto anche chattare un po’ di più, ma con il cellulare era troppo complicato. Comunque esperimento riuscito!

js8call

Spazzolo un po’ i 40m e rispondo ad un collega OM di Firenze, poi decido di fare un tentativo cercando gente sul multiprotocollo toscana entrando da un ponte DStar del Gruppo Radio Firenze.

Roberto IZ5ILH era in giro con il furgone e facciamo tutta una serie di QSO in diretta in 2m e 70cm sia FM che DStar, il nostro modo preferito. Nelle stesse condizioni contatto IZ5ILG. Arrivato a casa Roberto tenta anche un collegamento in 40m, purtroppo io lo ricevo ma lui no, sono sotto il rumore. Terminiamo in bellezza con un nuovo QSO di saluti in 2m, questa volta dalla sua stazione di casa.

È ora di smontare tutto e rientrare a casa.

auto vista 1 vista 2 vista 3

73 IU5BON

(l0g.in 5DuFq0)

MQC Field Day

Domenica mattina era il field day annuale di MQC, buona parte del club era trova in VHF per l’Apulia VHF QRP contest, ma io non sono attrezzato per le VHF e ho deciso di tentare nuovamente l’attivazione POTA di I-0125, il tombolo di Cecina.

Lascio la famiglia che ancora dorme al campeggio e monto in sella alla bicicletta per percorre quei 2Km che mi separano dal parco.

stazione radio

La stazione è così composta:

  • ICOM IC-705
  • Mat tuner 705 plus
  • EFHW per i 40m
  • Corde varie e peso per il lancio della corda
  • Raspberry PI 3 per modi digitali
  • IPad come schermo remoto per collegarsi al raspberry

Comincio l’attività in FT8 per validare il setup digitale con sincronizzazione automatica dell’ora tramite GPS. Fatti un paio di QSO decido di passare in SSB.

La propagazione non è eccellente, anche con lo spot faccio molta fatica. Alterno momenti di chiamata a spazzolate in banda 40m anche lì con risultati mediocri.

Tento di passare in 20m ma per qualche motivo ho un rumore a S7-S9.

Torno in 40m e continuo la mia attivazione.

Ad un certo punto ascolto un QSO a 145.500 fra due OM e busso. Uno di loro mi riceve e facciamo un rapido QSO in cui spiego la mia attivazione.

Fra i membri del club Alex era attivo in HF dal parco I-0668, tento di rispondere alla sua chiamata ma il suo segnale è praticamente impercettibile.

Ormai avevo portato a casa i 10 QSO per l’attivazione quindi decido di continuare a spazzolare un po’. Ad un certo punto noto un notevole miglioramento della propagazione, stazioni che ricevevo a S3 passano a S9+ quindi decido di ritentare con Alex I5EKX e questa volta il QSO si fa, il nostro primo park to park è a log!

Dopo poco meno di due ore di attività è ora di smontare tutto e raggiungere la famiglia.

73 Alessio IU5BON

(l0g.in 5DmKz0)

JS8Call

Di tanto in tanto mi piace fare qualche QSO in js8call, con la mia stazione QRP è uno dei pochi modi che mi permette di avere un QSO DX con diversi passaggi invece dello striminzito scambio di rapporti in SSB cercando di evitare il QSB per poter mettere qualcosa a log.

Cosa è js8call ? Si tratta di un modo digitale basato sul sistema di codifica di FT8, a differenza di questo però è un modo manuale orientato al QSO. Nella pratica operativa non differisce molto da PSK o RTTY, ciò che cambia è la sua capacità di decodifica, che essendo quella di FT8, arriva anche a estrarre segnali a -24dB!

Altra caratteristica fondamentale è la presenza di quattro velocità, se le condizioni lo permettono è possibile velocizzare la trasmissione utilizzando più banda, e quando le condizioni sono critiche di può stringere, rallentando la trasmissione, ma ottenendo risultati migliori.

Esiste poi una sorta di concetto di rete dei nodi per cui è possibile aderire ad un gruppo di nodi e rispondere a chiamate collettive, si possono richiedere dai rapporti di ascolto automatizzati (che non sono QSO) a le stazioni heartbeats, si può utilizzare un nodo come relay, e si possono salvare i messaggi in una specie di mailbox se la stazione con ciò vogliamo comunicare non dovesse essere in ascolto.

Non mi soffermerò su queste funzionalità avanzate che conosco giusto per nome ma parlerò dei QSO che invece sono divertenti, lascio comunque un link ad una guida, in inglese, di M0SPN.

Venerdì sera decido di ascoltare un po’ in orario di cena per vedere se sui 40m ci fosse un po’ di traffico js8call. Come sempre le stazioni heartbeats sono in maggioranza ma non mi scoraggio e chiamo CQ.

Inizialmente credevo di essere andato a vuoto ma dopo circa un minuto E78CB risponde alla mia chiamata!

Ci scambiamo i rapporti per assicurarci un valido QSO e poi passiamo a parlare delle rispettive condizioni di lavoro, entrambi eravamo in QRP. Ci salutiamo e poi vedo che lui inizia un QSO con OH3BQK/P, rimango in ascolto per un po’ e poi quando questo chiama CQ mando la mia risposta. Ma niente, dopo un po’ chiama di nuovo e riprovo. Nulla. Non demordo e decido di scendere in low a 8 WPM e ricevo il mio rapporto! -18dB

La cosa interessante è che io lo sentivo bene (-16) in normal a 16 WPM e non c’è stato bisogno da parte sua di scendere di velocità. Ci scambiamo i locatori e le condizioni di lavoro, lui trasmetteva con 20W in una EFHW a V invertita. Circa 2200 Km e un QSO comunque più strutturato del semplice scambio di rapporti.

Che dire? Esperienza positiva per me, sicuramente non è adatto a coloro che cercano la quantità, i QSO sono lenti ma si fanno anche in condizioni limite.

Spero di trovare più stazioni in futuro e di avere modo di fare tanti QSO in condizioni in cui la fonia non permetterebbe un contatto.

73 de IU5BON

(l0g.in 5DiKz0)

IARU HF Championship

Non avevo mai fatto un contest HF, nella mia mente è sempre stata un’attività ad appannaggio esclusivo di grosse stazioni QRO con torri piene di antenne.

Ieri mattina, nella chat telegram di ARI Firenze, Simone IW5EDI ci invitava a partecipare campionato del mondo della IARU. Il regolamento è semplice e basta rispondere con il rapporto più il codice della propria zona ITU (28 nel mio caso).

Il contesta iniziava alle 14 locali di sabato per una durata di 24 ore. Devo ammettere che la cosa mi aveva incuriosito non poco, decido quindi di partecipare nonostante la stazione QRP e l’antenna montata a zig-zig tra gli alberi del campeggio.

antenna EFHW

Accendo la radio qualche minuto prima e già noto una miriade di segnali in 20m, faccio un rapido QSO con una stazione Polacca e finalmente sono le 14, il contest è iniziato.

Il waterfall della mia radio si illumina di segnali, stazioni che si sovrappongono e pileup incredibili sulle stazioni Head Quarter (sono le stazioni ufficiali della “nazionale” di ogni stato).

Comincio a rispondere alle chiamate, più per gioco che altro, con 5W non avrei mai bucato pileup di quelle dimensioni, e invece… immaginate la mia sorpresa nel sentire le stazioni ripetere il mio nominativo seguito dal rapporto!

Insomma una attività partita più che altro per gioco si trasforma in una sfrenata caccia alle stazioni del contest sulle varie bande.

Nella teoria delle antenne c’è una proprietà chiamata “reciprocità”, forse la più importante per le piccole stazioni QRP. La reciprocità è la caratteristica per cui i valori del guadagno di una antenna in trasmissione si applicano anche ai segnali ricevuti. Che dire? Quando si hanno pochi watt e una antenna compromessa fa piacere che ci siano grandi stazioni in grado di ricevere anche il nostro piccolo segnale, alla fine QRP o QRO, il nostro QSO vale quanto quello degli altri per il calcolo del punteggio.

Ho passato due piacevoli ore in radio e mettendo a segno 13 QSO con diversi moltiplicatori che dovrebbero valere qualcosa meno di 300 punti. In più ho fatto tanti nuovi DXCC in fonia che per ora avevo solo in digitale.

punteggio provvisorio
mappa QSO

73 Alessio IU5BON

(l0g.in 5DeKz0)

Il primo IAC non si scorda mai

Mi ero ripromesso di mettere via la HF-PRO-2-PLUS-T ma ieri sera c’era lo IAC 50Mhz e quella antenna può essere regolata come ¼ d’onda sui 6m.

Non ho mai partecipato allo IAC prima d’ora, ma nei gruppi telegram della mia sezione e del MQC non mancano certo gli appassionati di tale contest.

Vista la disponibilità dell’antenna e le mie scarsissime performance nella Maratona 50Mhz di ARI Firenze decido di cimentarmi nell’impresa per una mezz’oretta, il tempo massimo concessomi dagli impegni familiari.

Eravamo usciti in auto per andare a mangiare una pizza e al ritorno in campeggio era troppo tardi per portare la macchina vicino alla piazzola, dove avrei potuto attaccare la base magnetica per la verticale?

Il più grosso oggetto di metallo a mia disposizione era il barbecue e quello ho usato.

Accendo la radio e i 50Mhz pullulano di segnali! Mi rendo subito conto che ci sono molte stazioni UK che chiamano contest, non stanno sicuramente partecipando allo IAC.

Provo a rispondere a qualche chiamata senza successo, poi finalmente una stazione prende parte del mio nominativo ma nonostante le mie urla nel microfono non riusciamo a concludere il QSO.

Cambio frequenza in cerca di una stazione italiana che partecipi allo IAC e trovo IK5AMB. Provo a rispondere ma niente, a questo punto controllo se posso alzare un po’ mic gain o compressione e scopro che stavo trasmettendo a 1W 🤦‍♂️!

Metto tutti e 5 i miei Watt e finalmente il QSO è a log!

Faccio un altro giro e trovo IK1WVR, dopo un po’ di incertezza iniziale anche questo QSO va a log.

Ci sarebbero ancora 30 minuti prima della fine dello IAC ma ormai è ora di tornare dalla famiglia.

Un’esperienza che sicuramente ricorderò a lungo.

73 IU5BON

(l0g.in 5DcFhm)

Caccia a IU2HEE/6

Ieri sera stavo provando la HF-PRO-2-PLUS-T con base magnetica dal campeggio, non avevo mai avuto tempo di provarla in questa configurazione quindi faccio un giro tra le bande per vedere un po’ che SWR riesco ad ottenere agendo sulla bobina di carico.

Come da specifiche ottengo un SWR inferiore a 1.5 in 6m, 20m, e 40m.

antenna verticale

Volevo provare a rispondere a qualche chiamata quando noto lo spot di Marco IU2HEE/6 per il diploma QRP/P di MQC in 40m. L'antenna è ¼ lambda sui 10m, fare un QSO in 40m con soli 5W da entrambe le parti sarebbe stato una prova veramente ardua. Ricevo Marco molto bene, un 55 pieno. Aspetto il prossimo QRZ e provo a rispondere alla chiamata. Niente non mi sente. Provo ancora un po’ e poi sento Roberto IK0BDO/5 (a poche decine di km da me) che entra in QSO con Marco. Alla fine del QSO gli fa presente che sto rispondendo alla sua chiamata ma Marco dice di non sentirmi.

Basta con i balocchi, è il momento della EFHW.

In questo momento sono in campeggio, non ho la mia antenna di casa e avevo provato ad installare una EFHW per i 40m un po’ alla buona, volevo tenere il feedpoint al coperto e mi sono ritrovato con una installazione a zig-zag fortemente influenzata da cavi elettrici volanti e strutture metalliche.

antenna EFHW

Sposto la stazione e mi attacco alla EFHW, purtroppo Marco viene sovramodulato da un'altra stazione, ci spostiamo di frequenza ma il QSB lo rende incomprensibile. Il QSO non si riesce a fare e Marco fa una pausa drone.

Decido che avrei voluto fare almeno un QSO con la verticale, visto che Roberto mi aveva sentito fissiamo una frequenza e facciamo un rapido QSO, le condizioni stavano effettivamente peggiorando perché questa volta anche lui ha problemi a sentirmi. Ad ogni modo mettiamo a log il QSO.

È tempo di tornare alla EFHW, IU2HEE/6 sta di nuovo chiamando, e questa volta lo ricevo 58. Da parte sua la situazione non è così chiara, dopo un primo incerto report 31 le condizioni migliorano e ci spostiamo sul 51. Scambiamo locatori e saluti, il QSO è a log!

Rimango un po’ in ascolto e si forma un pile-up per Marco, gli propongo di fare una prova in DV ma trovare un spazio per 6kHz in 40m risulta impossibile e lasciamo perdere.

Una piacevole serata, la verticale posso rimetterla nella scatola fino a quando le condizioni di propagazione non miglioreranno sensibilmente.

73 Alessio IU5BON

(l0g.in 5Db600)

Test dei connettori Powerpole

Vi è mai capitato di fare confusione con i cavi di alimentazione della radio? Di desiderare qualcosa di meglio dei connettori banana? A me capita spesso, ecco perchè ho deciso di provare i connettori powerpole.

Finora tutte le mie uscite con il jumpstarter come batteria hanno avuto qualche incoveniente, per fortuna che il mio IC-705 ha la batteria in dotazione. Una volta ho accidentalmente cortocircuitato i connettori banana mandando la batteria in protezione, un’altra non sono riuscito ad alimentare la radio perché la batteria carica erogava troppa tensione.

Seguo alcuni OM americani su YouTube e ognuno di loro ha almeno un video in cui parla dei connettori Anderson Powerpole e di come questi abbiano rivoluzionato e standardizzato il mondo degli apparati a 12V. Visti i problemi con il mio kit di alimentazione ho colto l’occasione al volo per provare questi magici connettori.

Cominciamo con le caratteristiche tecniche: il connettore è progettato per una corrente di 30A, più che sufficiente per una radio HF, e non c’è differenza fra spina e presa. Il connettore è senza genere ed è possibile accoppiare due connettori per creare una prolunga.

powerpole connector

Dopo aver acquistato un regolatore di tensione DC-DC decido di assemblarlo con i connettori powerpole invece delle solite banane, per il primo test assemblo un adattatore banana-powerpole, per interfacciare il mio vecchio sistema di alimentazione a questo nuovo mondo, intesto il regolatore di tensione con i powerpole, e sostitusco le banane del cavo della radio con i powerpole.

il primo test

Tutto funziona alla perfezione e mi rendo immediatamente conto di quanto sia piacevole ed a prova di errori l'utilizzo di questo tipo di connettore.

IC-705 in carica

Elettrizzato dal successo del test comincio a costruire cavi e adattatori di ogni genere.

Kit

Il kit è così composto:

  1. convertitore DC-DC 12v-5v da banana a micro-usb per alimentare il raspberry pi (in alto a sinistra)
  2. convertitore banana-powerpole
  3. connettore per il jumpstarter intestato con powerpole
  4. regolatore di tensione con voltmetro e amperometro intestato powerpole
  5. sdoppiatore powerpole (in alto a destra)
  6. cavo alimentazione IC-705

Ieri sono finalmente tornato al campeggio e dopo aver eretto un cavo di una 20ina di metri tra gli alberi ecco finalmente una prova del kit tutto assemblato.

stazione radio

Mentre la famiglia fa un pisolino pomeridiano ne approfitto per operare un po’ di FT8 con potenze variabili fra 5 e 10W ed ecco il risultato (che include anche un nuovo DXCC!).

QSO map

73 IU5BON

(l0g.in 5DZ600)

Attivazione POTA I-0963

Stamani partenza per il mare con la famiglia, macchina carica e pausa pranzo dai miei genitori.

In zona c'è il parco I-1383 e speravo di fare una attivazione alla buona con il loop magnetico. Purtroppo il parco era chiuso per nidificazione quindi mi sono messo a cercare una alternativa nella vicinanze.

I-0963 Stagni della Piana Fiorentina e Pratese si estende a tratti non continui attorno a casa dei miei genitori, quindi mi sono diretto in quella direzione. Il loop magnetico è favoloso in ricezione, si sentono chiaramente comunicazioni a S1, purtroppo lo stesso non si può dire del segnale inviato, specialmente con 5W. Sono stato nel parco circa 1 ora e mezzo, ho praticamente chiamato a vuoto per tutto il tempo escluso un momento magico in cui si è formato un “pileup” di 4 stazioni e poi di nuovo niente.

Un'altra attivazione POTA fallita (sono a quota 4 ormai 😂) ma tanto divertimento in radio.

(l0g.in 5DQDA9)

Attivazione POTA I-1379

Area Naturale Protetta di Interesse Locale Torrente Mensola

Oggi avevo poco meno di due ore dopo pranzo prima di andare a prendere mio figlio all'asilo nido. Grazie allo splendido lavoro che Marco IU2HEE sta portando avanti per una più corretta catalogazione delle referenze POTA mi accorgo che c'è un parco a circa 15 da casa mia.

Faccio uno zaino al volo e convinco mia moglie a seguirmi in questa piccola avventura pomeridiana.

Arriviamo in auto fin dove possibile e poi ci inoltriamo in un pratone che un tempo conduceva alla parete di scalata delle cave di Maiano, all'interno del perimetro dell'Area Naturale Protetta di Interesse Locale Torrente Mensola.

Lancio un peso con una corda e tiro su una EFHW per i 40m in circa una 15 di minuti (non aveva mai usato un albero prima d'ora).

Comincio a chiamare CQ POTA a nessuno risponde alla mia chiamata, l'orario infrasettimanale post-pranzo non è dei migliori, ma era l'unica occasione disponibile.

Decido di passare alla caccia rispondendo alle chiamate altrui. I 40m di concedono un solo QSO. Passo in 20 e riprendo a chiamare, stessa sorte.

Rispondo dunque ad una chiamata e quando comunico che sto trasmettendo con 5W altre due stazioni si inseriscono nel QSO per complimentarsi per il segnale.

Uno sguardo all'orologio e sono già passati 50 minuti, devo smontare tutto di fretta e andare a prendere mio figlio all'asilo nido.

Un pomeriggio diverso, al riparo dalla calura della città. Avessi avuto più tempo sono sicuro che avrei fatto tutti e 10 i QSO necessari per il programma POTA. Sicuramente ci tornerò.

(l0g.in 5DPH00)

Attivazione SOTA I/TO-302 e WxM I/TO-760

La mia prima attivazione SOTA! 📻

Stamattina Pippo e il Lina, due miei amici, si sono prestati ad accompagnarmi nella mia prima attivazione Summit on the Air(SOTA).

Il percorso è semplice, si parte da la fonte dei seppi e si procede per la sella degli scollini. Da qui si continua per la sella delle colline e poi fino alla selletta (858m).

Breve sosta all'ombra e poi via per l'ultima salita fino a Poggio all'Aia (terza punta) referenza SOTA I/TO-302.

La cima si trovano una croce di legno ed il cippo trigonometrico.

poggio all'aia

È giunto il momento di montare la End Feed Half Wave(EFHW) per i 40m, e cominciare a chiamare.

stazione radio

Alle 10:53 locali inizio e chiamare e nel giro di pochi minuti metto a log 3 QSO, poi il silenzio.

Per il programma Watt x Miglio(WxM) di Mountain QRC Club basta un solo QSO, ma per il SOTA ne servono 4!

Dopo 10 minuti di interminabile silenzio, arriva il quarto contatto! L'attivazione è completa.

In questi primi QSO ottengo un Summit 2 Summit, un summit GMA, ed un castello COTA.

Decido di spostarmi un po’ ed andare a caccia di altri attivatori SOTA, fortunatamente ne trovo uno rapidamente. Fatto il QSO mi sposto nuovamente di frequenza ricomincio a chiamare. Dopo altri tre QSO decido di passare alla banda dei 20m.

In 20m faccio altri tre QSO e comincio a rendermi conto di avere fame e caldo. Sono le 12:00, smontiamo la stazione rispondendo alle domande dei passanti incuriositi e torniamo verso la selletta per mangiare all'ombra.

mappa QSO

Il percorso del ritorno passa per Poggio Cornacchiaccia (seconda punta) e Poggio Casaccia (prima punta) referenza Watt x Miglio I/TO-760.

poggio casaccia

Qui decido di non montare di nuovo la EFHW ma un più semplice stilo HF ¼ λ, grave errore.

Comincio con i 6m ma sento solo QRM quindi decido di passare in 20m, qui metto a log un QSO locale e poi silenzio per 30 minuti.

Siamo stanchi e decidiamo che è ora di tornare a casa, il resto della discesa ci attende. Proprio mentre smontiamo la stazione sento una chiamata in 2m e mettiamo a log un ultimo QSO.

Completiamo la discesa con una sosta alla fonte dei seppi e poi via verso casa.

73 IU5BON

(l0g.in 5DAHTC)

Parks on the Air | Tombolo di Cecina

La Riserva naturale biogenetica dei Tomboli di Cecina si estende per 15 km lungo la costa. Furono create nel 1839 per iniziativa di Leopoldo II di Lorena Granduca di Toscana, allo scopo di proteggere le colture agricole dalla salsedine e dai venti marini e per la produzione di pinoli.

La Riserva offre rifugio a varie specie di animali: conigli selvatici, volpi, donnole, istrici, caprioli e tassi. Tra gli uccelli trovano dimora le tortore, i picchi verdi, le upupe ed i colombacci, che sostano qui per lunghi periodi di tempo.

Cartello parco

Ritagliare del tempo per le attività radiantistiche spesso vuol dire sottrarlo alla famiglia, così questa volta ho cercato di coniugare le due cose. Questo anno abbiamo preso una piazzola in un campeggio e durante le prime uscite verso la spiaggia ho notato che ci trovavamo in un parco che molto probabilmente faceva parte del programma Parks on the Air.

Si tratta della referenza I-0125 presente anche nel programma WWFF come IFF-0095. Non è una vetta ma almeno ricade nel programma QRP experiences del Mountain QRP Club (MQC).

Colgo l’occasione al balzo e comincio la pianificazione, Sabato 29 Maggio andremo in spiaggia con tutta la famiglia ed io potrò ritagliarmi 2 ore per l’attivazione.

La Stazione Radio

Stazione

Non ho molta esperienza con le HF, fino a pochi mesi fa avevo solo apparati portatili per VHF e UHF. L’idea di fare attività all’aria aperta mi ha spinto ad acquistare un ICOM IC-705 per poterlo usare sia a casa che in mobilità. Visto il poco tempo a disposizione ho optato per la UltraLight MLA MC-20 realizzata da OM0ET sorretta da un cavalletto fotografico. Sicuramente un compromesso, specialmente nella banda dei 40m, ma il tempo di montaggio è inferiore a 5 minuti.

Le attivazioni POTA richiedono 10 QSO, considerate tutte le limitazioni ed i compromessi ho optato per portare con me anche la mia stazione per i modi digitali, composta da raspberry pi 3, convertitore DC-DC 12-5v, iPad con tastiera e jumpstarter con uscita a 12v, ottimo anche per alimentare la radio.

L'attivazione (ed i miei errori)

Ho cominciato l’attivazione chiamando sui 40m, è stato difficile trovare uno spazio libero in frequenza e dopo un po’ che nessuno rispondeva alla mia chiamata, nonostante gli spot, ho deciso di andare in 20m. In 20m subito ho ottenuto due contatti, purtroppo mi sono fatto scoraggiare dai report bassi quindi ho pensato di passare in FT8.

Sfortunatamente il time sync con il GPS della radio non ha funzionato, il mio desktop mostrava correttamente il locator ma il tempo era sballato e non sono riuscito ad operare. A questo punto ero completamente scoraggiato. Due soli QSO e poco più di 30 minuti rimasti.

A questo punto devo ringraziare Roberto IK0BDO del MQC, si trovava a circa 40km dalla mia postazione e mi ha suggerito di riprovare in 40m fonia.

Un po’ a fatica abbiamo fatto il nostro QSO, poi ho continuato a chiamare, senza successo, per la rimanente mezz’ora. Mi ero completamente dimenticato di aver abbassato la potenza a 2W per fare il tuning in FT8!

Alcuni colleghi della sezione ARI di Firenze mi dicono che non riescono a sentirmi da Firenze, quindi tento di collegare la batteria esterna per passare a 10W ma nello scollegare il convertitore DC-DC metto in corto i terminali a 12V mandando la batteria esterna in protezione. Niente batteria, niente 10W.

Ormai il mio tempo è scaduto ma decido di fare un ultimo tentativo in 20m con tutti e 5 i miei Watt!

Arrivo in Finlandia! Una stazione risponde alla mia chiamata. Subito a ruota una seconda stazione, OH1TP, ma il collegamento si interrompe prima di scambiarci il report. E infine, quando stavo ormai per staccare, torna di nuovo Roberto per raggiungere quota 5 QSO.

Conclusioni

Prima di tutto devo dire che mi sono divertito molto. Un ringraziamento di cuore a Roberto IK0BDO per l'incoraggiamento e la tenacia nel cercare di contattarmi. Ringrazio anche i colleghi della mia sezione ARI e del MQC per aver tentato di contattarmi.

Non vedo l'ora di poter tornare fuori per una nuova attivazione, ma prima di allora vorrei finire di costruire la mia EFHW per i 40m, sistemare il problema con il GPS, e costruire un pannellino di distribuzione per i 12V per evitare di cortocircuitare i connettori banana.

Antenna

73 de IU5BON

Logbook

Time MHz Mode Radio
0843 14.285 SSB G0RQL
0848 14.285 SSB ON3YB
0925 7.082 SSB IK0BDO
1003 14.285 SSB OH1MM
1006 14.285 SSB IK0BDO

Links

(l0g.in 5CxDLn)
Alessio

Hello. My name is Alessio Caiazza. I'm also known as nolith. I love writing code and technology. I'm passionate about production engineering.

This is where I write my thoughts trying to follow IndieWeb principles.

Staff Backend Engineer, Delivery @ GitLab

he/him/his

IU5BON

"Il sapere umano appartiene al mondo."

An IndieWeb Webring 🕸💍